Che Genere? Femminile Solidale

Laboratorio di Lettura condivisa





Femminile Solidale è il “genere” nel quale crediamo: un genere inclusivo, forte e gentile, volto alla cura ed al dialogo.


Chiunque può essere parte di questa sfumatura del “genere umano”, votata al senso di comunità e condivisione.


Il laboratorio di svolge in questo modo:

a) Ogni partecipante seleziona un monologo, un brano, un testo che illustra un aspetto dell’universo femminile, delle sue declinazioni e contraddizioni.

b) Viene introdotto il brano, il contesto ed eventualmente il personaggio e si procede alla lettura condivisa.

c) Segue il dibattito sul tema proposto sulla base di esperienze dirette.



Collage di uno degli incontri – 17 settembre 2021

Se vuoi leggere il report di questo incontro, scaricalo qui,

ti sembrerà di aver partecipato con noi



Nel corso dell’incontro, abbiamo condivisio questo video:

Umberto Galimberti: “Ciò che le donne non sanno di sé stesse”

https://video.repubblica.it/spettacoli-e-cultura/donna-d-2019-galimberti-cio-che-le-donne-non-sanno-di-se-stesse/350111/350687



per il prossimo appuntamento partiremo dal monologo recitato

da Silvia Ghirardi Frilli

lettura: “Sono solo parole” di Stefano Bartezzaghi

Dal Laboratorio nascono iniziative di cittadinanza attiva e di impegno sulla sensibilizzazione alle questioni di genere.

DALLE PROVE DEL READING DEL COPIONE “ESERCIZI DI GENERE” DI SILVIA GHIRARDI FRILLI

Progetti di legalità nelle scuole

Vento Legale dal 2018 realizza Progetti di formazione interattiva nelle scuole medie e superiori, utilizzando le arti teatrali per divulgare la cultura dell’antimafia fra i più giovani.

La diffusione della cultura antimafia avviene attraverso metodi formativi interattivi che prevedono l’utilizzo di saperi culturali nuovi e tradizionali, dal fumetto al video, dalla scrittura all’improvvisazione teatrale, fino alla stesura di una sceneggiatura da mettere in scena, per la divulgazione del messaggio.

La produzione artistica su tematiche di natura etico sociale realizzata mediante arti creative genera un valore estetico integrativo, trasformando lo strumento dell’intrattenimento in veicolo di conoscenza, confronto ed approfondimento.

Valenza Sociale ed educativa del Progetto

L’antimafia sociale necessita di essere coltivata nelle menti e nelle coscienze civiche delle giovani generazioni.

Attraverso la creatività si veicola un messaggio altamente coinvolgente e strutturato, in grado di permeare le lusinghe dell’infiltrazione mafiosa, con la creazione di un linguaggio sociale comune e anticorpi etici condivisi.

La conoscenza sin dall’adolescenza dei codici mafiosi, permette di riconoscerne l’avvento, per costruire una rete di difesa sociale efficace e tempestiva.

Conoscere per riconoscere e contrastare, ognuno dal proprio piccolo, sin da piccoli.

Contrastare le nuove forme di solitudine e vulnerabilità

Partendo da un articolo pubblicato dalla Gazzetta Filosifica, Noi di VENTO LEGALE Ci siamo interrogati sul tema delle Nuove forme di Solitudine non volontaria.

La pandemia e la solitudine nell’era globale
«La caratteristica precipua di questa
solitudine è quella dell’isolamento fisico,
della detenzione a cui nel mondo
l’umanità è costretta per sfuggire un
contagio per il quale allo stato attuale
non c’è una cura.
E avremo fallito, se non rimetteremo al centro la
persona, il tempo da dedicare alla cura di noi
stessi, del prossimo e anche dell’ecologia.
Discorsi sociali e politici, certo: ma con
una base filosofica molto molto forte»

(L. Gandale)

Ne è scaturita la voglia di confrontarsi con le persone delle “bella età”, ossia dell’età adulta, che è bella perchè ricca di ricordi e tempo per ricordarli, ma che può diventare alienante, se non .

I soci di Vento Legale si sono mossi fra i Centri anziani e i Circoli di ritrovo di Abruzzo, Emilia-Romagna, Marche e Puglia e hanno raccolto racconti e momenti di pura condivisione.

Ne è nata una sceneggiatura originale e una mostra fotografica

“Ambiente”: una questione di casa

L’animo ambientalista di Vento Legale si è espresso nella partecipazione alla CITY NATURE CHALLANGE: un’iniziativa internazionale, che coinvolge migliaia di cittadini in tutto il mondo in una sfida amichevole a chi raccoglie il maggior numero di scatti di flora e fauna selvatica.

All’edizione 2021 stanno partecipando più di 350 città di 38 Paesi. In Italia l’iniziativa coinvolge varie città che aderiscono al “Cluster Biodiversità Italia” e anche noi abbiamo deciso di dare il nostro contributo.

Questo progetto di citizen science permette di raccogliere dati utili ai naturalisti per la ricerca scientifica, in quanto la biodiversità rappresenta un patrimonio di inestimabile ricchezza, la cui tutela e conservazione sono essenziali per la sopravvivenza dell’umanità.

Questo momento di cura verso l’ambiente è stato celebrato con una composizione poetica

"Beh oggi broccoli, 
mi dissi ridestandomi dal torpore mattutino. 
Nell'orto incontro vari esemplari romaneschi come quello in foto. 
E come  posso? Pensai di fronte a simile prodigio. 
Non sono, costoro, i testimoni dei virtuosismi matematici della natura?  
I custodi dei segreti algoritmi dei frattali?"

Alfredo Z. (autore anche della foto)

Incontri generazionali online

La pandemia ha determinato lunghi momenti di restrizione della vita comunitaria.

Vento Legale ha realizzato una serie di incontri online per condividere momenti di riflessione, anche intergenerazionale.

I più giovani hanno dato una mano tecnologica ai secondi nella ricerca della “Ricetta della Felicità!

Ne è nato un ricettario bizzarro:

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: